giovedì 3 maggio 2012

AUDIOVERSI (V c) - "Sei la terra e la morte" di Cesare Pavese

di Paolo Steffan

Terza e ultima parte della quinta puntata dedicata a Pavese. Talvolta è bello accompagnare il suono della lingua con quelle sonorità umide o terrigne da cui la poesia è venuta, cioè inseguirla a ritroso, verso quegli elementi dai quali tutto è stato originato. Sei la terra e la morte ha dentro sé la matericità della terra, l'immaterialità della morte: impastate d'umano e inframmezzate da qualche gorgoglio d'acqua, che accompagna nel migliore dei modi, arricchendola, la mia povera voce.

video
 Un pericoloso ma fascinoso anfratto dei "miei" colli, luogo di una delle registrazioni

Nessun commento:

Posta un commento