martedì 25 giugno 2013

"POETI DI CORRENTE": L'ANTOLOGIA DI CORRENTE IMPROVVISA (Le Voci della Luna, 2013)

Antologia in versi del collettivo Corrente Improvvisa
a cura di Matteo Bianchi e Anna Ruotolo
***
Poeti di Corrente:
ALBERTO AMORELLI • MARCO ARAGNO • NICOLÒ BATTAGLIA • ANNA BONAMICI • CATERINA CAMPORESI • GIORGIO CASALI • ALESSIO CASALICCHIO • SILVIA COMOGLIO • RICCARDO CORAZZA • ROBERTO DALL’OLIO • CHIARA DE LUCA • DARIO DESERRI • MATTIA FERRARI • RAFFAELE FERRARIO • IRIS KARAFILLIDIS • MADDALENA LOTTER • ENRICO MARIÀ • RITA MONTANARI • MATTEO PAZZI • RICCARDO RAIMONDO • EDOARDO RIGHINI • ELEONORA ROSSI • CARLOS SANCHEZ • PAOLO STEFFAN • ROBERTO UBERTI

«È una rielaborazione collettiva delle nostre singole creatività. L’idea ci è stata suggerita dalla visita estiva al Giardino degli Aranci di Ferrara: un luogo ricavato tra le torri del Castello Estense, dove la vista è protetta dalle piante di agrumi e dai mattoni rossastri dei muri, e può solo correre al cielo. Uno spazio al di fuori del tempo, in cui passeggia la stasi: tentativo di curare i vuoti di significato causati dalla rincorsa precaria e sempre inappagata a nuovi beni materiali che accelerano il mondo, ma soltanto in superficie».
Matteo Bianchi
*
«Gli autori o i cultori della materia che compongono questa “corte di pensiero” (come recita il sottotitolo del blog) quale è Corrente, poi, si sono talvolta messi alla prova nell’incontro, al di fuori della piattaforma web e dunque conosciuti dal vivo. Un ulteriore salto che rende ancora più incisivo il progetto. In questo senso la scommessa con il nuovo, l’ignoto, la paura dell’altro è stata vinta anche a dispetto di chi vede nelle relazioni da mass media una svalutazione del rapporto reale e fisico (soprattutto in letteratura)».

Anna Ruotolo


Per acquistare il libro invia una mail a vociluna@virgilio.it


domenica 16 giugno 2013

Pomeriggio Di Maggio

Il primo rintocco di campane
pieno pomeriggio
e io sul campanile
ormai sordo
guardo la città al disotto
i campanari hanno lasciato qualche bottiglia di rosso
regalo gradito
mentre a mezzo cielo
la condivido con qualche mio amico.
tornare a terra
scendendo scalini ripidi
                       minuscoli
chi me lo fa fare?
se posso restare sospeso
vedere teste di vedove in preghiera pregare

a metà tra loro e Dio
che basta con la mano tagliare l'aria
per far precipitare speranze al suolo 
pestate da suole di scarpe consunte
mille marche idolatrate
mentre noi quissù
trinità sorda
omaggiamo divinità pagane
brindando.