martedì 19 marzo 2013

deSidera


Cortesi amici di elitario gusto,
siamo sorprendentemente riapparsi. No, non ve lo auguravate troppo lo so: siamo un manipolo di scapestrati, però adesso abbiamo incrociato per via La Grafica e quindi quasi quasi riusciamo anche a salvarci la faccia. Lei è molto bella sì. Lei ci porterà alla perdizione. Lei per intanto ci ha indotto a venerare la «Visibilità», il che significa che potete leggerci sul blog (deSidera è cartaceo, ma vogliamo un poco compiacervi.
desidera2012.blogspot.com 
) in barba a tutti i nostro sforzi per sostenere il cartaceo; però il cartaceo non muore e se muore il virtuale non gli sopravvive, siatene certi. Dunque adesso non vi rimane che provare a leggerci, anzi adesso non avete neppure la scusa di dire che non trovavate fisicamente la copia: siamo virtualmente sempre raggiungibili.
Bella fregatura.
Io ne scrivo.. ma voi, a voi che effetto fa tutto questo?
 
 

domenica 10 marzo 2013

Esame di Estetica

                                Picchietto le corde del mio ukulele verde
                   con una matita.
                                           Sembra un suono da mandolino
                che cos'è la poesia? recita in costa il libro universitario
                                                non lo leggo ma so cosa dice,
                                                                                               niente.
            Eli aspettami in fondo alla tua via
                                                appena uscito di doccia tremolante
                                                il piede a contatto con le piastrelle rosa.
                                                                           Bucolico Pascoli. Colitico Bukowski.
                              Biglietti del treno,
                                                           due sola andata per Bologna
                                    e l'ansia mi tortura tra petto e stomaco
                                                             a ritmo bop anni venti
                                                                         tabacco a terra per mani insicure
                                                  mentre colloquio da solo di estetica crociana
                                                                    sistemi chiusi.
                                  Goethe viveva in un giardino?
                   Paranoia fattona in crisi dietro lenti miopi
                                              hanno tutti polacchine e maglioni fatti ai ferri
                   devi dirmi tu cos'è
                                                 la poesia?
                                                                  Si.
                                                Ah, bene, allora.....
                                    Poeti nuovi hanno raccolto con il panno magico
                                             tutta
                                                      la polvere
                                                                       dei vecchi.
                                      Come siete educati e di maniera
                                                                  così evocativi,
                                      come il mio culo evoca i fantasmi del pasto, quasi.
                          Versi lunghi, poesie corte
                                                           non le leggo ma so cosa dicono,
                                                               niente.